simplycris-caso-studio-marketing-online
Simplycris

La biancheria intima del laboratorio artigianale che si vende sul web

La biancheria intima del laboratorio artigianale che si vende sul web ultima modifica: 2018-06-21T16:10:54+00:00 da Luca Barbi

Si può essere competitivi e vincenti anche con la vendita di prodotti di largo consumo? Nel caso di Simplycris la risposta è sicuramente sì. Ma non senza un’azione di chiara differenziazione e di un’attenta analisi mirata a identificare una value proposition chiara ed efficace sul bacino di pubblico selezionato.

La storia di Simplycris è probabilmente comune a tanti laboratori artigianali italiani. Producono biancheria intima, ma lo fanno con il loro stile, con un’attenzione ai dettagli incredibile e, soprattutto, riuscendo a contenere il prezzo accorciando di molto la filiera di vendita proponendo il prodotto direttamente dal produttore al consumatore.

La situazione iniziale

Siamo stati coinvolti nel progetto durante la fine dell’estate 2017, in occasione del lancio del nuovo sito web. La vecchia versione aveva aiutato Stefano e Cristina — i due creatori di Simplycris — a farsi conoscere online e a far apprezzare i propri prodotti a una piccola cerchia di clienti affezionati. Non erano stati previsti, sino ad allora, interventi di marketing per la promozione del brand o per la vendita dei prodotti.

Obiettivo principale della collaborazione era quello di rendere sostenibile il progetto, con campagne che, oltre a garantire una più cospicua base di traffico, consentissero di chiudere più carrelli e di intercettare e convincere, tramite azioni di remarketing, gli indecisi.

Cosa abbiamo fatto

Oltre a curare tutti gli aspetti del setup dei tracking sul nuovo sito web, la nostra strategia ha previsto l’utilizzo di Facebook ADS sui due estremi opposti del funnel d’acquisizione. Lo abbiamo chiamato in causa su target freddi somministrando contenuto e creando consapevolezza del brand, e per azioni di remarketing su view content e carrelli abbandonati. In queste ultime campagne, abbiamo lavorato molto per determinare quali finestre temporali utilizzare per le nostre attività di retargeting con l’obiettivo di bilanciare il ROI e contenere la frequency entro i limiti della ragionevolezza.

All’attività su Facebook ADS abbiamo poi affiancato campagne AdWords su rete di ricerca, utilizzando una strategia di pianificazione keyword che ci ha permesso di evitare la competizione con i più importanti attori di questa popolosa nicchia di mercato e quindi contenendo i costi di acquisizione. AdWords è stato inoltre utilizzato con finalità di remarketing su rete Display e per una campagna dedicata a Google Shopping.

Dopo i primi tre mesi di attività, il bilancio delle campagne era nettamente positivo, con un ROAS superiore al 300%. L’obiettivo che stiamo perseguendo attualmente è dunque quello di scalare le campagne aumentando gli investimenti e mantenendo invariate le prestazioni.

CONOSCIAMOCI MEGLIO

Possiamo aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, scrivici ora!

© 2014 coine.it — Tutti i diritti riservati.
Sede legale: via Caboto 9, 41037 Mirandola (MO), Italia — P.IVA: 03615310368

Privacy Policy Cookie Policy